Prenota sul sito l’appartamento per la tua famiglia

10 Consigli per viaggiare con i bambini e sfatare i luoghi comuni

Viaggiare con i bambini è come guardare il mondo con occhi diversi: i loro. Occhi spalancati da esploratori in erba, occhi da “prima volta”, che ti portano ad assaporare le cose più semplici, quelle che spesso sfuggono al mondo degli adulti.

Succede di rendersene conto soprattutto quando torniamo in un luogo, nel quale siamo già stati altre volte prima e dopo la maternità, ma anche quando andiamo alla scoperta di posti nuovi.   

1  Dalle città storiche del nostro Bel Paese quelli più impegnativi e a lungo raggio, per viaggiare con i bambini occorre assecondare i loro ritmi e dimenticarsi la frenesia. Questo è proprio il primo grande consiglio per incoraggiarvi e partire col piede giusto. Facendo tutto con più calma, assaporeremo meglio i luoghi, le persone e i contesti locali. Non serve trascinarli in giro con il passeggino per obbligarli a seguire la nostra tabella di marcia. Mettete dunque in valigia più calma, pianificate itinerari meno stringenti, vedrete meno cose, ma condividendole con i bambini darete di più a tutta la famiglia.

2  E’ fondamentale anche partire già con le idee chiare su tutto. Informatevi con precisione e costruite a tavolino itinerari a loro misura giorno per giorno, cercando rassicurazioni anche sul web. Intraprendere un viaggio organizzato nel dettaglio, non significa privarsi del piacere della scoperta o dell’avventura. L’effetto sorpresa lo avrete comunque, fa parte del bagaglio del viaggiatore attento e della filosofia che c’è dietro.

3  Scegliere la meta giusta è un altro quasi imperativo da seguire. La destinazione deve essere individuata in base ai gusti dei grandi, ma anche alle esigenze e alla predisposizione dei piccoli. Ci sono paesi e attività più adatte al bambino che non sta mai fermo, a quello riflessivo o al ragazzo che va matto per gli sport. Non deve essere per forza un viaggio statico, ma nemmeno un trekking in Marocco, se nostro figlio è ancora in fasce.

4  Scegliere insieme la destinazione appena l’età lo consente moltiplica il valore del viaggio in sé. Decidere di andare a visitare un luogo o un paese che hanno studiato a scuola o trovato in una loro lettura è il più grande regalo che possiamo fare loro. Nessuna lezione vale quanto l’esperienza sul campo. I bimbi hanno bisogno di vedere e toccare per comprendere.

5  Il cibo non deve essere un problema, anzi un’opportunità di confronto, sia per loro, che per noi. Certo è bene informarsi sulla cucina locale ed evitare il piccante o gli alimenti, che possono essere pericolosi se consumati crudi, ma per il resto provare nuove pietanze è un gesto da incoraggiare anche nei più piccoli. Potete stare tranquille che certi capricci assumono una dimensione diversa quando si è in vacanza e anche su questo fronte i bambini vi sorprenderanno.

6  Il jet lag di adulti e bambini sono molto simili, ma scendendo da un volo intercontinentale con la famiglia scoprirete che i nostri figli sono straordinariamente adattabili anche su questo punto. Se la differenza di fuso orario negli adulti si manifesta con un senso di fatica, disorientamento e difficoltà a dormire, nei bambini si traduce in irritabilità e inappetenza, ma loro possono recuperare sonno e cibo sempre e ovunque. Si addormentano anche in condizioni estreme, anche i piedi a volte e non sono legati agli orari nemmeno con il senso della fame. Più sono piccoli tra l’altro e più si adattano rapidamente al nuovo orario, grazie anche al fatto che producono melatonina!

7  Viaggiare leggeri. Proprio perché può succedere di doverli prendere in braccio o gestire quando sono stanchi, bisogna lavorare come matte sull’alleggerimento del bagaglio, per mettere in valigia davvero solo l’essenziale. Più facile a dirsi che a farsi nel caso di compagni di viaggio mignon, che hanno bisogno di un arsenale al seguito. Qui dobbiamo aguzzare l’ingegno noi mamme, perché l’adattabilità e la fantasia vincono a tavolino. Non occorre portarsi tutto, il passeggino può esserci d’aiuto per tante altre cose, come pappa, pennichella, box momentaneo… Scegliere poi di affittare un appartamento attrezzato è il modo più semplice per avere tutto a disposizione, senza preoccupazioni.

8  Nella valigia leggera non dimenticate qualche gioco in formato pocket o il tablet. Serviranno come “calmante” per superare i momenti di noi durante gli spostamenti in treno o in aereo. In questo caso la tecnologia aiuta, ma con moderazione, perché i bambini devono sviluppare strumenti autonomi di controllo delle emozioni e il viaggio rappresenta un ottimo banco di prova.

9  Dare ai bambini il prestigioso ruolo di reporter del viaggio può essere una scoperta altrettanto magica e ricca di sorprese. In più di un’occasione mi è venuta in soccorso una macchina fotografica di quelle usa e getta, con la quale ho sguinzagliato mio figlio nella realizzazione delle immagini più belle da portare a casa. Si è rivelato un ottimo trucco per avere ottimi scatti d’autore e scorci insoliti.

10  Gestire il pianto. In viaggio non deve mancare almeno il doppio della dose di attenzioni che di solito riserviamo loro. Non sono nel loro ambiente, mancano i punti di riferimento e possono essere maggiormente esposti a stress. Una crisi di piato può succedere ovunque, ma se accade in treno o in aereo ci sembra un dramma anche per il disturbo che diamo gente che ci sta attorno. Non tutti sono disposti a capire, ma durante i miei viaggi, non vi dico quante persone, anziché infastidirsi si sono offerte di aiutarmi a gestire la situazione.   Viaggiare con i bambini è una grande scuola di vita, quindi non abbiate paura, viaggiate e continuate a farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Possono interessarti anche

14 Agosto 2019

QUANDO IL TURISMO E’ DIVERTIMENTO: I FAMILY APARTMENTS® SI RIEMPIONO DI GIOCHI “CRANIO CREATIONS”

Con Family Apartments® l’esperienza della vacanza per le famiglie diventa gioia e…

14 Agosto 2019

5 cose belle da fare in Piazza della Repubblica a Firenze

Passeggiata nel centro storico di Firenze? Siamo orgogliosi di farvi da Cicerone! Vogliamo…

Iscriviti alla newsletter

Riceverai periodicamente informazioni e suggerimenti per viaggiare con serenità insieme alla tua famiglia

Acconsento al trattamento dei dati personali secondo la vostra privacy policy